Biografia di Girolamo Foti

Girolamo Foti, nasce a Palermo nel 1974,di professione è militare dell'Esercito Italiano, ricopre il grado di Caporal Maggiore Capo Scelto III° Corso (ruolo Graduati), ha prestato servizio al 24° Art. Peloritani di Messina dal 1995 al 1997 , al 1° Reggimento Trasmissioni di Milano dal 1997 al 2002 , ed è effettivo al 46° Reggimento Turba di Palermo dal 2003.

  • - MISSIONI MILITARI PER IL MANTENIMENTO DELLA PACE: Operazione militare multinazionale in Albania nel 1997, nei Balcani per il mantenimento della pace nei paesi dell'ex Jugoslavia , rispettivamente in Macedonia Kosovo,Bosnia (dal 1999 al 2001).
  • - MISSIONI MILITARI NEL TERRITORIO NAZIONALE : Operazione Vespri siciliani in supporto alle forze di Polizia per la lotta contro la mafia (dal 1995 al 1997).
  • ESERCITAZIONI INTERNAZIONALI: EOLO 98 in Francia in supporto al Battaglione San Marco; Esercitazione anti terrorismo "Bright Star 2001" in Egitto in supporto all'esercito americano;
  • - RICONOSCIMENTI: E' stato insignito dallo Stato Maggiore dell'Esercito, "Medaglia " Pro Humanitarie" - Croce Militare di Pace - La medaglia della Nato per il mantenimento della pace nell' ex Yugoslavia, in Kossovo, e Albania/ Macedonia - Croce militare per la pubblica sicurezza e croce d'argento di anzianità dal 2010".
  • - SPECIALIZZAZIONI - CORSI DI FORMAZIONE
  • - Operatore Radio Telescriventista presso la scuola delle trasmissioni a Roma;
  • - Corso pratico d' istallazione e manutenzione reti al 1° rgt di Milano;
  • - Corso linguistico a distanza per la lingua inglese presso la libera Università degli studi "S.PIO V" a Roma nell'anno accademico 2001 -2002;
  • - Corso su metodi della comunicazione con particolare riferimento alla comunicazione politica ed istituzionale al Ministero della Difesa Roma nel 2007 
  • RAPPRESENTANZA MILITARE: eletto per tre mandati consecutivi X°, XI°,XII° , a livello base Cobar " 46° RGT di Palermo", a livello intermedio "COIR" con sede a Verona, , a livello centrale e nazionale COCER "il massimo organo della rappresentanza militare a livello interforze che rappresenta oltre 200 mila "operatori della sicurezza e difesa" l'Esercito, Aeronautica, Marina, Carabinieri e Guardia di finanza. Con sede a Roma.

TELEVISIONE

Già animatore televisivo (tv di strada) dal 2006 al 2010 con il conduttore il giornalista Fabio Sortino, hanno ideato il primo bollettino informativo dei militari "Rotocalco militare", in onda su Sky840 - tele regina (una tv no-profit), nel programma hanno partecipato molti big della politica: "On. Paglia, On. Paladini, On. Cannella, la Senatrice Pinotti il giornalista Riccardo Alfonso, il Gen.C.A. Domenico Rossi, - Foti -ha collaborato con altri programmi televisivi "A tu per tu", "Rivelazioni", "telecronaca in città".

IMPEGNO SOCIALE E POLITICO

Giovane attivista della primavera siciliana contro la mafia negli anni 90; Segretario dell'associazione"Insieme per l'ambiente" dal 1993 al 1994; Presidente dell'associazione culturale "fratelli d'Italia" dal 2003 al 2008; Promotore del laboratorio culturale della legalità di Palermo "Il vivaio delle idee" nel 2007; Presidente del movimento "è Italia legalità" dal 2010 al 2012; dal 23 marzo 2012 al 28 agosto 2014 Segretario del"Partito Nazionale dei Diritti (organizzazione extra parlamentare), Cofondatore e Presidente dell' Associazione "Il Movimento Libera Rappresentanza" dal 31 dicembre 2014 (Per informazioni www.liberarappresentanza.it) . 

CULTURA

Coautore del libro l'Italia o di qua o di là (i quaderni di cntn).

AUDIZIONI IN PARLAMENTO

  • - IV° Commissione Difesa al Senato "condizioni di vita del personale militare "Febbraio 2010";
  • - IV° Commissione Difesa al Senato "sulla riforma della rappresentanza militare" "Luglio 2014";
  • Aula del mappamondo alla Camera sul blocco dei contratti "Settembre 2014";
  • - IV° Commissione Difesa incontro sulla riforma della rappresentanza militare "Aprile 2015";

Interviste /articoli

  • E' la storica divisione Acqui finì a lavorare di ramazza di Chiara Paolin (Il Venerdì di Repubblica - 2009);
  • La misura è colma si sacrifichi la casta (Il Tempo - 2014);
  • Salvate il soldato Mirco a cura di Toni De Marchi (Il fatto quotidiano - marzo 2015);
  • Esercito:sciopero della fame del delegato Cocer Girolamo Foti "punito per difendere i diritti dei militari" (Il fatto quotidiano tv - ottobre 2015);

 

Roma,11 Dicembre 2018 incontro con il Ministro della Difesa Trenta

Galleria foto: Impegno istituzionale con il COCER

Galleria foto: IMPEGNO CIVICO

Punito per aver difeso i diritti dei militari "intervista al fatto quotidiano".

“Da sabato ho iniziato lo sciopero della fame perché da quando ho cominciato a battermi per l’ampliamento dei diritti sindacali e associativi nell’Esercito e denunciato lo sblocco degli emolumenti a favore di alcuni dirigenti militari ho subito una serie di sanzioni disciplinari da parte dell’amministrazione”. Così il caporal maggiore Girolamo Foti, delegato del Cocer Interforze, ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. Una situazione tutta italiana o quasi perché “nella maggior parte dei paesi europei i militari hanno un vero sindacato, noi invece non abbiamo potere di contrattazione o di intervenire nei casi di demansionamento del personale”. Le istanze portate avanti in questi mesi secondo Foti, non solo non sono state prese in considerazione dai vertici militari, ma hanno coinciso con una serie di provvedimenti contro di lui. “Un esempio? Mi hanno dato tre giorni di consegna – racconta – per il mancato taglio dei capelli. Ero diretto a Palermo all’arrivo, come comunicato, avrei fatto il taglio e invece ho trovato il provvedimento“. “Per dieci anni ho partecipato ad operazioni militari all’estero e devo dire che vivevo quel periodo con più serenità rispetto a quello attuale di delegato Cocer”. Dopo mesi di battaglie e istanze a favore della base inascoltate Foti ha deciso di alzare il tiro e da sabato non mangia più. “Terminerò lo sciopero della fame – conclude – quando verrò ricevuto dai vertici e dal ministro della Difesa”. Contattati sul caso di Girolamo Foti, i dipartimenti competenti dell’Esercito Italiano non ci hanno ancora risposto di Paolo Dimalio e Luca Teolato.

In basso il video dell'intervista:

Dicono di me !!!

Auguri del Sindaco Orlando per la rielezione di Foti al Cocer 

Il palermitano Girolamo Foti è stato eletto nel Cocer, massimo organo nazionale di rappresentanza dei militari. Foti, Caporal Maggiore Scelto dell’esercito in servizio al 46° Reggimento trasmissioni della Caserma Turba, è stato riconfermato per la terza volta consecutiva nell’organismo. Il sindaco Leoluca Orlando, appresa la notizia, ha inviato “auguri di buon lavoro a difesa dei diritti dei militari che sono i diritti di è impegnato su diversi fronti e in diversi ambiti per la sicurezza dei cittadini e del Paese”.

Palermo,14 luglio 2018

"Tony De Marchi" stralico del suo articolo"salvate il soldato Mirko del 16 maggio 2016" .... dimenticavo, il Foti non è un caporaletto imberbe ma capellone. No, è un signore di una quarantina d’anni, che ha alle spalle anche un paio di missioni all’estero, ed è delegato del Cocer, l’organismo nazionale che rappresenta (dovrebbe rappresentare?) i militari italiani. Lo è già da due mandati, il che vuol dire che è anche un personaggio popolare, rieletto dai suoi commilitoni. Ma forse è questa sua popolarità tra la truppa che lo rende meno digeribile ai suoi capi. È uno che ha un suo blog che si apre con una citazione dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e ha in home page la foto di Falcone e Borsellino.  Un rompiscatole dunque, così a prima vista".
 
L'On. Gianluca Rizzo pubblica questo post nel suo profilo:
 
 

Rappresentanza militare

Posted by fidest on Sunday, 11 July 2010

Chi ha avuto a che fare o vive concretamente la realtà del comparto difesa sa bene quali sono gli aggettivi che qualificano meglio l’attuale strumento di rappresentanza militare: insignificante ed obsoleto. Tenendo conto di ciò, è quindi molto facile criticare l’operato del Co.Ce.R. Non è mia intenzione difendere a spada tratta il suo operato; le comunicazioni ufficiali avvengono con mezzi ufficiali. Ma il fatto che io sia membro dell’organo incriminato è giusto che renda conto della mia condotta personalmente, cercando di evidenziare come, all’interno dell’istituzione, sussistono anche posizioni diverse da quella emergente e più palese. Per prima cosa, c’è da dire che sono al primo mandato, e la mia condotta si inserisce quindi all’interno di una prassi inveterata, e come tale difficile da scardinare; in secondo luogo, appartengo al ruolo più debole delle forze armate, escluso e sconosciuto ai media, all’opinione pubblica, ai parlamenti: all’inizio del mio mandato ci credevano dei ragazzini visto che ci chiamano volontari. Per risolvere questa lacuna ho aperto personalmente il sito www.girolamofoti.net, interamente dedicato alla truppa; per lo stesso fine, a titolo gratuito, ho assunto la conduzione di un telegiornale sulle tematiche del comparto; ho denunciato attraverso il settimanale “il venerdì di repubblica ” il sottoimpiego dei militari, ho incontrato parlamentari e trasmesso loro documenti che interessano il ruolo che rappresento, ho sempre sostenuto che il riordino delle carriere sia una grossa balla utile a scopi propagandistici, in commissione difesa al Senato ho abbandonato l’aula perchè non potevo accettare interventi a mio avviso denigratori di alcuni politici, e per il clima poco democratico; di risposta mi etichettavano come “populista”, “comunista” , ” polemico”, “politicante”, altri uscivano fuori con pettegolezzi sulla mia persona; va anche detto che la visibilità così ottenuta ha raccolto l’attenzione non proprio amica del gruppo di parlamentari radicali in seno al Partito Democratico, e solo per aver denunciato attraverso un agenzia di stampa gli sprechi della casta a cui seguivano i tagli alla difesa, il precariato delle forze armate , “Ho subito addirittura un interrogazione parlamentare”. Ho criticato il governo per le sue manovre finanziare, per aver disatteso le promesse fatte in campagna elettorale, quando si attaccava il governo Prodi, dimostratosi alla fine l’unico ad aver irrogato un aumento sostanzioso. Il forse prosaico elenco è quello che è noto a tutti, perchè emerso a mezzo stampa; c’è poi tutto il lavoro invisibile di ogni mia azione a a tutela del personale, ma non voglio ne gloriarmi ne dilungarmi.Ora tutti si accorgono, troppo tardi, del massacro sociale messo in atto dall’attuale governo. Eravamo in pochi a gridare allarme, mentre le critiche verso il CoCeR si sprecavano, perchè incolpare un organo debole è più facile che accusare direttamente il ministro e il governo. A mio avviso, il Co.Ce.R sta facendo quello che può fare, ivi compresa la conferenza; le critiche mi sembrano solo una sterile guerra tra poveri, mentre il malessere aumenta. Spero solo che questa situazione trovi un giorno, quello delle elezioni, le sue giuste conseguenze, negando il voto a chi ci mette le mani nel portafoglio, mentre gode ancora di ingiustificati privilegi. Invito anche ad un sincero mea culpa, ricordandosi ognuno a chi ha dato il voto alle recenti amministrative. (Girolamo Foti Delegato Nazionale del Co.Ce.R Esercito)
Ma chi è Girolamo Foti? potremmo dire di lui chiosando quanto E J. K. Whoddle Kerr  ha scritto per altri:  ”Forte perché libero. Libero perché sincero, con sé, con gli altri, tutti gli altri. Quelli a cui ha tolto e quelli a cui ha dato. Sopravvalutato da alcuni e sottovalutato da altri. Ma mai banale, mai insapore, mai incolore.”

 

Blog

29.06.2016 22:09
Ho raggiunto il limite di amicizie su questo profilo, invito tutti gli amici a cliccare e promuovere la mia pagina pubblica per consentirmi di continuare la mia azione mediatica in difesa degli "ultimi" ecco la pagina -https://www.facebook.com/fotigir/?fref=ts 
Oggetti: 1 - 1 di 1

Contatti

Girolamo Foti girolamofoti@yahoo.it